L’Academy deve fare i conti con le rotazioni corte, la forte rappresentativa statunitense si impone per 87-70

Archiviato il torneo di Wenzhou e la prima parte di tournéé, l’Academy è da ieri a Weng’an, città industriale nella provincia di Guizhou, dove affronterà altre tre amichevoli contro le stesse avversarie incontrate nei giorni precedenti.

Il gruppo di coach Paolini riparte dalla sfida contro il Team Usa, battuto lunedì scorso all’overtime per 105 a 97. I rossoblu devono fare a meno di Roberto Rullo, tenuto preventivamente a riposo dopo il colpo alla testa subito nel match contro la Germania, la rappresentativa statunitense dal canto suo scende in campo rinnovata, ben due nuovi arrivi nel roster a stelle e strisce.

Lo starting five dell’Academy è composto da Bucarelli, Picarelli, Allegretti, Matrone e Johnson. Poca precisione al tiro in avvio di gara, Johnson sblocca il risultato, il Team Usa risponde, Allegretti porta sul +4 i suoi, gli avversari recuperano ed è perfetta parità dopo 4’ (6-6). Equilibrio in campo, primi punti per Picarelli, tegola per coach Paolini che perde Justin Johnson costretto ad uscire per dolore alla schiena dopo una spinta subita. Tatu Ebeling appena entrato trascina l’Academy insieme a Matrone, la prima frazione si chiude sul 20-16. Il secondo quarto si apre con il -2 statunitense, Ebeling si alza ancora dall’arco, i rossoblu continuano a condurre il match ma Anderson con 4 punti consecutivi firma al 13’ la nuova parità (27-27). Academy in difficoltà e con problemi di rotazioni, il Team USA ne approfitta e firma il vantaggio, Matrone riporta il match in equilibrio, gli uomini di coach Paolini tengono botta e rispondono ai canestri avversari, si va tutti negli spogliatoi sul punteggio di 41-45.

La rappresentativa statunitense prova a segnare il primo solco con un +6, Bucarelli firma una tripla importantissima, Picarelli e Matrone macinano punti e riportano l’Academy sul -1 (48-49). Nuovo parziale avversario, Bucarelli riavvicina i suoi ma protesta contro l’arbitraggio e il fallo tecnico fa sprofondare i rossoblu sul 51-61. Allegretti e Picarelli riducono il gap, Floridia commette il 4° fallo personale, Anderson continua a macinare punti e al 30’ è +11 per il Team USA (66-55). L’ultimo quarto riaccende le speranze Academy, gli statunitensi sbagliano tanto, Matrone e Ebeling son bravi ad approfittarne, Allegretti scrive il -5 (66-59). Gli uomini di coach Paolini subiscono la reazione avversaria, 1/2 di Matrone ai liberi, coast to coast di Tatu ma la stanchezza inizia a farsi sentire e i rossoblu pagano le rotazioni corte. Nei minuti finali il Team USA prende il largo e consolida il vantaggio, Matrone è l’ultimo a mollare, finisce 87-70. Domani, alle 19 locali, Bucarelli e compagni nuovamente in campo contro la rappresentativa cinese.

 

Weng’an, 24 agosto 2018

Cagliari Dinamo Academy